Caratteristiche

I componenti principali del progetto “Openwhite” sono i dispositivi legati alla ricerca della posizione (beacon e centraline wifi) e i device degli utilizzatori.

Per quanto concerne i primi, a seconda della modalità di utilizzo (modalità sequenziale o di orientamento) OpenWhite utilizza una:

A) localizzazione di prossimità che considera unicamente l’ID_TAG fornito dal sistema di localizzazione per identificare il POI (punto di interesse), purché la potenza del segnale sia superiore ad una certa soglia;

B) localizzazione per triangolazione in modo da identificare la posizione con le coordinate fornite dal GPS o dalle informazioni sui TAG rilevati in base alle indicazioni di RFID e alla potenza del segnale. Per questa fattispecie si ha una localizzazione GPS con un margine di precisione di circa 3 metri (in questo caso si utilizzano le coordinate per determinare se ci si trova nelle vicinanze di un POI) oppure una localizzazione localizzazione WiFi/BT (in questo caso per ciascun POI presente in archivio dovranno essere inseriti i dati relativi ai Tag rilevati in quel punto e la potenza di ciascun Tag rilevata nella posizione del POI).

Nel esempio riportato in “Figura 1”, è intuibile la logica con la quale si procede al cablaggio degli edifici: ogni punto d’accesso, ogni punto di snodo, ogni possibile destinazione e ogni punto di confine sono provvisti di un beacon utile all’identificazione del luogo. Solitamente i beacon sono collocati ad intervalli che oscillano tra i 4 e 5 metri.

adminCaratteristiche